Teatro – Musica – Mostre: le segnalazioni de La Lampadina – GENNAIO

All’Olimpico, festival della magia, Supermagic  2013 decima edizione, è uno spettacolo pensato per risvegliare il senso di meraviglia degli adulti, e per affascinare chi è già nel mondo della fantasia, come i bambini. un cast di artisti tra i più famosi al mondo, i migliori prestigiatori, illusionisti, manipolatori e trasformisti offrono uno spettacolo per tutti quelli che hanno ancora voglia di sognare.
Dal 31 gennaio al 10 febbraio

All’Eliseo, diretta da Valerio Binasco, Sabrina Impacciatore interpreta “E’ stato così” di Natalia Ginzburg, prima opera firmata dalla scrittrice. Storia di una donna, destinata a perdersi, autrice di un delitto dettato dalla gelosia e raccontato con lucidità estrema.
Dal 22 gennaio al 3 febbraio.

Teatro Argentina, una prima assoluta la rappresentazione di “La serata a Colono” di Elsa Morante, diretto da Mario Martone, con Carlo Cecchi, Angelica Ippolito e Antonia Truppo (video).
Dal 30 gennaio al 17 febbraio.

A seguire un classico di Moliere, “La scuola delle mogli”, con la regia di Marco Sciaccaluga.
dal 19 febbraio al 3 marzo.

——————————————

MOSTRE

Mostre a Bologna
Arte Fiera: Fiera internazionale d’arte contemporanea. La trentasettesima edizione che vanta due direttori artistici come Giorgio Verzotti e Claudio Spadoni, confermerà Arte Fiera come la più importante e completa manifestazione per il sistema italiano dell’arte. Quest’anno il programma si arricchisce di una novità rappresentata dalla sezione SOLO SHOW realizzata da gallerie che propongono esposizioni di opere di un solo artista e di sette CONVERSATIONS il cui tema “Guardare al futuro” metterà a fuoco scenari e nuove prospettive del mercato dell’arte.
25/28/01/2013

Setup Art Fair: fiera d’arte contemporanea indipendente. La prima edizione di questa fiera parallela si svolge in concomitanza ad ArteFiera 2013. Ideata, organizzata e promossa da Simona Gavioli, Marco Aion Mangani e Alice Zannoni.
Partecipano gallerie che vogliono rivolgere il proprio interesse all’arte emergente e che lanciano giovani talenti creativi per arricchire il sistema dell’arte.
25/28/01/2013

Mostre a Genova
Steve McCurry: Viaggio intorno all’Uomo
Genova, Palazzo Ducale
Oltre 200 fotografie di grande formato compongono la mostra antologica che raccoglie i più celebri scatti degli ultimi trent’anni anni del fotografo di Philadelphia: volti di bambini, pastori, guerrieri e lavoratori che raccontano tutta la drammaticità della guerra e la precarietà dell’esistenza, ma sempre con estrema dignità.
Fino al 24 febbraio

Mostre a Napoli
MADRE – Sol LeWitt – L’artista e i suoi artisti.
La mostra a cura di Adachiara Zevi è il primo omaggio resa da un museo italiano a questo grande artista americano. Illustra cinquant’anni del suo persorso artistico suddividendolo in tre sezioni, corrispondenti ad altrettanti nuclei tematici. Ci sono opere inedite progettate dall’artista e realizzate oggi dai suoi assistenti, opere mai esposte al pubblico e infine opere di altri artisti collezionate da LeWitt.
Fino al 01 aprile 2013

Mostre a Roma
Istituto Giapponese di Cultura: 50 anni di cinema giapponese. Decenni e registi di culto. Da segnalare. Per festeggiare i suoi cinquant’anni, l’Istituto di Cultura Giapponese organizza un ciclo di proiezioni dedicate ai suoi registi di culto. Sono stati selezionati tre film tra quelli più significativi dei registi più rappresentativi di ogni decennio, dagli anni Sessanta al Duemila
Fino al 19 febbraio 2013

MACRO – Collezionismi#2 – Arte a Roma 1960–2001. Il secondo appuntamento del programma che illustra il rapporto tra istituzione pubblica e collezionismo privato. La mostra immagina una collezione costituita principalmente da prestiti e contributi delle tante realtà private protagoniste dell’arte a Roma in questi anni – collezionisti, gallerie, critici, curatori e gli stessi artisti – oltre ad alcune opere della collezione del museo.
Fino al 26 maggio 2013

Jimmie Durham – Steets of Rome and Other Stories a cura di Bartolomeo Pietromarchi. Le opere del poliedrico artista americano – video, disegni e installazioni – che esprimono l’eterno conflitto tra il mondo di oggi e il sopranaturale con riferimento mitologici. Sono realizzate negli ultimi dieci anni e costruite con materiali naturali quali legno, marmo, pelli di animali, e con detriti e scarti postindustriali. Sono opere “rumorose” dove, guardando le istallazioni si percipiscono suoni vari.
Fino al 01 aprile 2013

MAXXI – Galleria 4- Alighiero Boetti a Roma. Esponendo trenta opere, molte inedite o raramente esposte, la curatrice Luigia Lonardelli racconta, negli spazi del MAXXI, la storia di “Alì Ghiero, il beduino in transito, accampato accanto al Pantheon”, una fervida stagione creativa. La mostra descrive il particolare rapporto dell’artista con Roma e mette in relazione opere di Francesco Clemente e Luigi Ontani per illustrare la vitalità creativa nel mondo artistico degli anni settanta.
Dal 23 gennaio al 6 ottobre 2013

VILLA MEDICI – Accademia di Francia- Chung ga opla (uove al tegamino) Danh Vo. Con allusione al primo cibo che si mangia al mattino, allegoria del cibo universale, l’artista, nato a Saigon, vuole spiegare come la sua arte affronti vissuto personale e gran temi della storia: colonialismo, imperialismo economico e culturale, rapporto tra Occidente e Oriente e la guerra fra presente e passato, distruzione e trasformazione.
Fino al 10 febbraio 2013

Il retro del manifesto è una mostra collettiva che raccoglie lavori e ricerche in corso realizzati dai borsisti dell’Accademia di Francia nell’ambito del Teatro delle Esposizioni #3.
Fino al 3 febbraio 2013.

Apertura di una nuova galleria
Galleria Montoro 12: “Device to Root Out Evil” Dennis Oppenheim
Con una mostra dedicata a Dennis Oppenheim curata da Ursula Hawlitschka, dal misterioso titolo “Device to Root Out Evil”, Montoro 12 apre il suo nuovo spazio a Roma. La galleria illustra il percorso visionario dell’artista americano, che lavorava con tutte le tecniche più innovative a disposizione negli anni Sessanta, mettendo in relazione una serie di studi progettuali, vari dipinti e sculture.
Fino al 28 febbraio 2013.

A Berlino
EMBASSY GOES CONTEMPORARY: Arte giovane della Collezione Museion a Berlino A cura di Letizia Ragaglia. Negli storici saloni dell’Ambasciata italiana a Berlino, l’ambasciata fu un regalo di Hitler agli alleati dell’Asse, 28 opere di 22 artisti contemporanei della Collezione Museion di Bolzano si confrontano con la storia e con il contesto specifico dell’edificio. Le opere contemplano tutti gli aspetti della produzione contemporanea, fotografie, video, opere luminose, sculture, dipinti e installazioni. La mostra si inserisce in un vasto programma promozionale sostenuto dall’Ambasciata d’Italia e dall’Istituto italiano di Cultura di Berlino per promuovere il lavoro degli artisti italiani residenti nella capitale tedesca. Il Museion di Bolzano è il primo ad esporre delle istituzioni italiane che saranno chiamate a presentare parte del loro patrimonio. Fino al 28 aprile 2013 la mostra si può visitare il lunedì alle ore 16 solo su richiesta scritta a: berlino.exhibitions@esteri.it

La selezione delle mostre è a cura di Marguerite de Merode Pratesi

——————————————————————–

Già segnalati precedentemente ma ancora visibili:

MOSTRE

Toma's Saraceno

Mostre a Milano
Hangar Bicocca – Toma’s Saraceno ‘On Space Time Foam’. Parte del vasto progetto ‘Cloud-Cities’ , l’opera dell’artista argentino Toma’s Saraceno ci regala un’esperienza assai interessante.

Nel grande spazio dell’hangar Bicocca di Milano, a 20 metri da terra, è stata realizzata una grande stuttura, accessibile, a forma di bolle, che trasporta i visitatori all’interno di una nuova dimensione attraverso tre livelli di superficie trasparente. L’elemento chiave dell’opera è il concetto di interazione reciproca che si crea tra un piano e l’altro della struttura. Le persone vengono  messe in relazione e interagiscono con la struttura che diventa mutevole “come la vita”. Fino al 3 febbraio 2013.

Ex elettrofonica, via di Sant Onofrio, SYSTEMS AND ACCIDENTS 
a cura di Lýdia Pribišová. Nello spazio della piccola particolare gallleria, quattro artisti di nazionalità ceca e slovacca Cyril Blažo, Tomáš Džadoň, Eva Koťátková, Pavla Sceránková, indagano sui limiti, i disagi e la struttura dei sistemi di controllo che costantemente influenzano la loro realtà. Dal 12/12/2012 al 08/02/2013

Valentina Bonomo  espone l’originale lavoro di Stephan Balkenhol nella sua galleria del Ghetto. L’artista tedesco descrive un uomo “normale”, di tutti giorni. Stephan BalkenholLo scolpisce con rapidi gesti tirando fuori da un unico  tronco d’albero un immagine vitale, che in seguito dipinge colorandola.
La superficie delle sue sculture mantiene la gestualità del lavoro offrendo una materia vitale che restituisce la materialità del legno. Fino al 20 Febbraio 2013

Lorcan O’Neill TRACEY EMIN Why Be Afraid  Via Orti D’Alibert, 1/E
La mostra propone i lavori recenti di una delle figure principali degli Young British Artists (YBAs), una personalita’ provocatoria emblematica della scena dell’arte contemporaneo londinese degli ultimi 15 anni. L’artista esplora i temi del sesso e della morte usando vari mezzi espressivi: dipinti, ricami, disegni, installazioni neon e video. Dal 15 Dicembre 2012 al 28 Febbraio 2013


Massimiliano GioniA Venezia, La Biennale d’arte visiva del 2013 fa già notizia. Si sa già! Sarà Massimiliano Gioni  a curare la 55esima Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia e Bartolomeo Pietromarchi sarà il curatore del padiglione italia.
Ma vi do un’altra recentissima notizia. Francia e Germania si sono scambiati i padiglioni.
Le mappe riporteranno “Padiglione ex-Francia” o “Padiglione neo-Germania”? Comunque, per fortuna, i due spazi sono uno di rimpetto all’altro.


Mostre a Roma:

Canova Studi di donne

Museo di Roma Palazzo Braschi Canova Il segno della gloria  Disegni, dipinti e sculture. In mostra a Palazzo Braschi i bei disegni, le lettere e i gessi del grande interprete del Neoclassicimo italiano, Antonio Canova.  Insieme ai disegni sono anche esposti 15 acqueforti delle opere realizzate, sei modelli originali in gesso, da quattro  tempere, un dipinto ad olio, due terrecotte e due marmi.
In questa mostra si è reso possibile osservare come l’artista sia passato dalla fase ideativa alla realizzazione dell’opera del grande maestro veneto. Con questa scelta il Museo di Roma offre un quadro storico ineguagliabile dell’Europa tra Settecento e Ottocento, chiarendo il ruolo di Canova come primo artista della modernità.
Fino al 7 aprile 2013.

Grazia Toderi

MAXXI: Mostra di Grazia Toderi Mirabili Urbis. Il MAXXI dedica a Grazia Toderi, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia del 1999 e tra le più rappresentative della generazione italiana degli anni novanta, la mostra Mirabilia Urbis. Sono protagonisti tre lavori, tre video proiezioni per tre diverse visioni di Roma dall’alto L’opera è entrata quest’anno a far parte della collezione permanente del MAXXI Arte grazie alla donazione di Renata Novarese.
Fino al 03 marzo 2013.

Museo Henrick Christian Andersen, Via Pasquale Stanislao Mancini 20, Luigi Ontani – AnderSennoSogno
Sono dieci anni che Luigi Ontani non esponeva più in una personale a Roma. La mostra curata da Luca Lo Pinto riprende 50 lavori dell’artista visionario in gran parte inediti o mai esposti a Roma di cui vari lavori giovanili. “Un’avventura all’interno dell’immaginario dell’artista in un percorso scandito in ritmi, tempi e spazi diversi.”
Fino al 24 febbraio 2013.

MACRO, Pascale Marthine Tayou. Secret Garden curata da Bartolomeo Pietromarchi.
Negli spazi della Sala Enel il MACRO presenta Secret Garden, mostra dell’artista camerunense Pascale Marthine Tayou, tra i più significativi della scena artistica contemporanea. La sua poetica eccentrica e colorata mescola culture e situazioni senza limite materiale e geografico. L’artista parla del “viaggio” nelle sue opere come di un nomadismo non solo fisico ma anche mentale che gli da totale libertà nell’esprimersi. «Il est certain que voyager, c’est espérer rencontrer la magie qui dissimule les mystères de la raison humaine».
Fino al 10 Febbraio 2013

Fondazione Roma Museo Palazzo Sciarra. Akbar. Il grande imperatore dell’India. Una mostra dedicata a Jalaluddin Muhammad Akbar, terzo imperatore Moghul, uno dei sovrani più illuminati della storia. Pur essendo analfabeta, promosse la cultura, l’urbanistica, la tolleranza religiosa e l’arte in ogni sua prospezione.
Fino al 3 febbraio 2013,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *