MOSTRE: Carlo Scarpa opere per Venini: dal 1932 al 1947 al Met NY

Articolo di Laura Novello – Autore Ospite de La Lampadina

Il celebre Museo di New York celebra l’opera dell’architetto italiano con la rassegna dal titolo “Carlo Scarpa per Venini: 1932-1947.

E’ un percorso espositivo di trecento opere, affiancate da disegni, bozzetti, progetti immagini che documentano il lavoro di Scarpa con la Vetreria Venini di Venezia.

Sino al 2 marzo 2014 sarà visibile la grande mostra organizzata da Nicholas Cullinan Curator del dipartimento di Modern and Contemporary Art Museum of Art con l’assistenza di Mary Clare McKinley Reserarch Assistant ed è la prima mostra mai organizzata al MET dedicata esclusivamente al vetro.

Proveniente da Venezia dalla Fondazione Giorgio Cini la mostra fa parte il Progetto “Stanze del Vetro”che vede un programma pluriennale (avviato da Pentagram Stiftung e F. Cini) relativo alla valorizzazione dell’arte vetraria del Novecento.

La mostra di New York mantiene la stessa logica d’allestimento veneziano, con rigorosa disposizione cronologica rispettando le molteplici tipologie differenziate per tecnica d’esecuzione e per tessuto vitreo, dai “Vetri Sommersi” alle “Murrine romane”, dai “Corrosi” ai “Vetri a pennellate”.

Il percorso parte dal 1932, anno in cui Scarpa inizia la sua attività alla Venini, di cui diverrà poi il direttore artistico e si conclude nel 1947, anno in cui l’artista-architetto deciderà di dedicarsi alla sua originaria passione: l’architettura. La mostra ripercorre quindici anni di storia della famosa vetreria muranese, per la quale Carlo Scarpa progettò un considerevole numero di opere, contribuendo all’invenzione di alcune tecniche nuove e tipologie vetrarie ancor oggi utilizzate dalla vetreria Venini.

Le sperimentazioni di Scarpa in questo periodo comprendono soprattutto la ricerca sul Colore; elemento primario per far emergere nell’ambito della materia-vetro la Luce con i materiali combinata a quella sulla forma con le tecniche segrete dei maestri muranesi: un approccio che ha indubbiamente rivoluzionato il modo di progettare della Venini divenuta la vetreria più celebre al mondo.

Carlo Scarpa definito alchimista-artista ha sperimentato l’elemento/vetro in maniera totalmente innovativa. E’ entrato nella sua trasparenza rendendola anche opaca e satinata o variopinta!

Ha indagato sulla sua consistenza, per assottigliarla oppure per inspessirla al fine di darle aspetti lisci o rugosi fino a farla diventare quasi… un pregiatissimo tessuto.

L’opera di Carlo Scarpa è importantissima per lo studio, la sua lezione rimane sempre viva, priva di elementi stilistici che condizionano l’anima della materia-vetro. Molti artisti e architetti e designers si ispirano costantemente alla sua opera; vera e propria fonte creativa per l’immaginazione di questi ultimi.

Sino al 2 marzo 2014

Laura Novello

1 commento per “MOSTRE: Carlo Scarpa opere per Venini: dal 1932 al 1947 al Met NY

  1. Elvira Amabile
    14 Febbraio 2014 at 16:18

    Interesante acquisizione di contemporaneità legata alla conoscenza del nostro prezioso mondo artistica artigianale. Raffinata la scelta espositiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *