Nudo nella Fontana di Trevi

Lo avete tutti scambiati per un turista in male di esibizione? Invece era un giovane artista catalano Adrián Pino Olivera che dice “di usare il corpo e la nudità come strumento di rivendicazione culturale e come canale per rapportarsi alle grandi opere d’arte” “una serie di micro-performance: azioni brevi e intense per scuotere violentemente, per alcuni secondi, l’apparente serenità di spazi solenni e ufficiali. Questo progetto, ‘Provocación artística’, coinvolge altri giovani artisti: i giovani hanno il potere di trasformare la realtà, ed è con loro che voglio lavorare”.
Era nudo, certo, ma dopo tutto c’era solo molta ingenuità.
MdM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *