COSTUME: Dalle stelle alle…

Alla Biennale. Storditi e sopraffatti da mille installazioni, pensieri, disegni, foto e filmati di un mondo che pare sia sopraffatto da dolori, guerre e guai. Se ne esce non allegri, con mille interrogativi, domande senza risposte, quesiti forse non risolvibili più o meno pesanti.

Ma anche con qualche perplessità.

Nel padiglione della Gran Bretagna: la sigaretta occupa un suo spazio.

Una volta accolta in tutti i più eleganti saloni, sui tavoli in file ordinate come piccoli soldati in preziose scatole d’argento. Offerta in preziosi porta sigarette d’oro con piccole gemme incastonate, D’annunzio ne ordinava con lettere a Buccellati, suo gioielliere amico per le sue fiamme.

Infilata in lunghissimi preziosi bocchini di avorio aggiungeva fascino alle bellissime e sofisticatissime che sbuffavano fumo con sublime eleganza tenendo il bocchino con mani guantate. Erano loro che aiutavano a suggerire gesti di gran seduzione. Piano piano passate in portasigarette di pelle, poi nulla: nude.
Per nascondersi meglio. Basso profilo.

Di fatto.

I saloni che le accoglievano hanno chiuso loro la porta in faccia, vietate! Vietate nei cinema, nei ristoranti nei bar ed anche all’aperto. Relegate in angoli bui e brutti per i fumatori. Con un cartello che le demonizza, che avvisa: attenzione sono qui.

Hanno imparato a nascondersi dietro le porte, a emergere di nascosto sui balconi. Hanno imparato a ricevere gesti di fastidio, di orrore.

Si, lo sappiamo:

il fumo fa male.

Nuoce a noi.

Nuoce a chi ci sta vicino.

Ai nascituri.

Se non ha diritto ad esistere  in nessun luogo

Non si può però collocare in quello spazio

Questa volta la difendo!

Povera sigaretta!

Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
manù selvatico estense
2 Novembre 2015 16:30

Adooooooro il sens of humor di Lalli Theodoli anche perché sono quasi sempre d’accordo con lei!
Brava, continua cosi’ perché abbiamo sempre ragione noi e…..grazie!