Una curiosità di Genova

L’attuale via Garibaldi si chiamava via Montalbano, era il sito del postribolo pubblico di Genova. La prostituzione era un vero e proprio affare tanto che la strada veniva data in appalto e andava ben controllata dalle forze dell’ordine. Le giovani ragazze pagavano regolarmente le tasse, avevano il sabato libero e la domenica andavano a messa. Il vestito doveva essere di colore giallo e il giorno di san Giovanni era prassi seguire la processione dietro il loro simbolo, l’effige della Maddalena.
La notte si tornava al lavoro con una sorte di protezione da parte di forze preposte. Si chiamavano anche donne delle candele, poiché il tempo della prestazione era determinato da precise tacche incise su un cero.
Il sistema fu in vigore fin dai tempi delle Repubbliche marinare e data la grande quantità di denaro nulla cambiò fino all’Unita d’Italia. Fu Cavour che si inventò la legge sulle case chiuse cioè case con persiane che dovevano restare rigorosamente chiuse onde evitare curiosità e sguardi indiscreti. Le stesse case erano censite come di lusso e tassate il dovuto.
CV

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments