Chi sarà di scena? – Maggio 2018

Cari Lettori, ecco le mie segnalazioni per il mese di maggio.

Dal 8 al 15 maggio per sole cinque repliche andrà in scena per la prima volta al Teatro Costanzi l’opera di Benjamin Britten “Billy Bud, melodramma marinaresco in due atti su libretto di Edward Morgan Forster ed Eric Crozier dal racconto di Herman Melville, la cui prima rappresentazione ebbe luogo a Londra nel 1951. L’allestimento, firmato dalla regista inglese Deborah Warner, è stato recentissimamente premiato con l’International Opera Award, praticamente l’Oscar della lirica! Sul podio il maestro James Conlon.

Segnalo inoltre al Teatro Nazionale dal 5 al 12 maggio e per 4 repliche la riduzione Opera Camion del Teatro dell’Opera del “Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, con tanti giovani artisti.

Al Parco della Musica il 10, 11 e 12 maggio Sir Antony Pappano dirige la “Sinfonia n. 9” di Gustav Mahler, eseguita dall’Orchestra di Santa Cecilia.

Sempre al Parco della Musica, in occasione del centenario dell’Indipendenza della Lituania, la Fondazione Musica per Roma insieme all’Istituto di Cultura Lituano e all’Ambasciata della Repubblica Lituana in Italia hanno programmato dal 4 al 14 maggio il festival “Flux. Festival Lituano delle Arti. Il festival presenterà 11 diversi spettacoli di vari generi, dalla musica classica al jazz, dal teatro alla danza, dalle mostre alla videoarte. Segnalo, in particolare, che il 10 maggio alle ore 21 andrà in scena lo spettacolo “Franz Kafka – A hunger artist”, con la compagnia teatrale Meno Fortas e la regia di Eimuntas Nekrošius. Lo spettacolo, già andato in scena al Festiva dei Due Mondi di Spoleto nel 2017, è in lituano con sottotitoli in italiano.

Per il teatro di prosa, al Teatro Eliseo dal 2 al 20 maggio va in scena “La cucina, commedia tragica dell’inglese Arnold Wesker del 1957

che mette in scena l’ambiente multietnico di una sala ristorante. Il regista, Valerio Binasco, in questa sorta di Babele gastronomica, dirige ben 24 interpreti, quasi tutti sotto i trent’anni.

Al Teatro Argentina, dal 15 al 20 maggio potremo goderci un grande classico, vale a dire “Arlecchino servitore di due padroni di Carlo Goldoni, con la regia storica di Giorgio Strehler e dal 22 al 27 maggioLa classe operaia va in paradiso”, dall’omonimo film di Elio Petri, drammaturgia di Paolo di Paolo e regia di Claudio Longhi.

E’ tutto per questo mese!

Patrizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *