ECONOMIA – Cosa potrebbe succedere se…

L’Opec (Organization of the Petroleum Exporting Countries), comprende dodici Paesi che associati, formano un cartello economico, per negoziare con le compagnie petrolifere i prezzi e approvvigionamenti petroliferi.
Il presidente degli Stati Uniti, non va molto d’accordo con loro, li ha attaccati direttamente diverse volte nei tempi recenti e l’ultimo episodio, la scomparsa di Jamal Khashoggi, ha contribuito in modo determinante ad aumentarne le tensioni.
Khashoggi, era un giornalista famoso in rotta di collisione con il regime Saudita. Era entrato nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul per chiedere dei documenti per il Suo matrimonio, ma … non ne è più uscito o per lo meno non se ne sa come. Il mondo è profondamente scioccato da tutta questa situazione che va avanti tra negazioni e ammissioni.
Il presidente Trump, ha preso una posizione iniziale molto forte, ma il tempo passa e la sua irritazione tende ad ammorbidirsi. Aveva proclamato che avrebbe preso in considerazione sanzioni contro l’Arabia Saudita se ci fosse stata la prova del loro coinvolgimento nella scomparsa del giornalista, ma non sembra in grado di procedere in questo senso. L’Arabia Saudita è un importante partner commerciale per gli Stati Uniti e a parte l’energia, è il più grande cliente di armi d’America. L’anno scorso Trump ha firmato, con loro, un accordo di $ 110 miliardi. Ora l’Arabia Saudita ha ammesso qualche coinvolgimento, almeno da quanto dicono i giornali, ancora molto vago e non è chiaro a che livello governativo.
Come procederà quindi il presidente americano? Eventuali sanzioni contro l’Arabia Saudita avrebbero effetti economici globali devastanti, l’Arabia Saudita potrebbe rispondere con la limitazione di flussi petroliferi contro gli Stati Uniti, che pur avendo una forte produzione interna, certo, ne soffrirebbero. Sopra tutto si creerebbe una psicosi generale che metterebbe in moto una fortissima ondata speculativa tale, da portare il prezzo del grezzo a prezzi stratosferici.
Con tutta probabilità, quindi, la Casa Bianca minimizzerà l’intera situazione. Come sempre il tempo gioca a loro favore. Se sapranno attendere abbastanza a lungo, l’opinione pubblica verrà coinvolta in altri argomenti, più eclatanti, così da scordarsi presto l’intera questione. Se Trump dovesse invece reagire, dovrebbe assolutamente usare la sua retorica per evitare le possibili contro-sanzioni. Dell’omicidio verrebbe incolpato qualcuno si del governo saudita ma appartenente a qualche organizzazione segreta  ma nulla il governo avrebbe potuto fare per evitarlo.
Se per qualche segreta ragione, non fosse poi possibile seguire questa linea e i provvedimenti prospettati venissero presi da entrambi gli schieramenti, ci troveremmo di fronte a un disastro economico che farebbe impazzire il mondo intero”, il petrolio potrebbe raggiungere facilmente i 100, o 200 usd, o addirittura 300 dollari.”
Un embargo petrolifero dell’OPEC potrebbe sembrare inimmaginabile oggi. Ma se ci guardiamo intorno, assistiamo a fatti così incredibili che questa prospettiva potrebbe non sembrare così lontana… è già accaduto in passato, e con i personaggi che ci circondano, qualche levata di testa potrebbe essere anche possibile. Speriamo che nel bene e nel male, verranno seguite la ragione ed il buon senso per trovare la soluzione più idonea ad un buon accordo anche se questo dovesse nascondere uno degli episodi più sconcertanti degli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *