A sua insaputa

Negli ultimi mesi più di una persona è stata beneficata ” a sua insaputa” e infatti ci spiegano che ciò è avvenuto, “a mia insaputa”.

Vi è stato chi ha comprato un appartamento che altri (a sua insaputa) hanno pagato o altri hanno regolato (a sua insaputa) il suo conto dell’albergo,o cassieri hanno speso milioni di euro all’insaputa dei dirigenti e ultimamente anche figli del leader di un partito o facenti parte della sua corte hanno speso somme significative, ma sempre all’insaputa di tutti.
Vantaggio ulteriore è che non avendo consapevolezza dei benefattori non si deve ringraziare nessuno.
Ho chiesto a mia moglie se, a mia insaputa, qualcuno avesse pagato il condominio o la luce, ma invano. Comunque non mi lamenterei di aggiungermi alla lista dei beneficati e quindi a richiesta posso anche fornire le mie coordinate bancarie.
E’ peraltro vero che la mano destra non deve sapere ciò che fa la sinistra, ma ormai il ” a mia insaputa” é assolutamente bipartisan.
La nota del mese di Aprile è di un Autore Ospite – Alberto Seganti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *