Due grandi scoperte che scuotono il mondo della storia dell’arte

In Vaticano, in seguito alla perizia di tre studiosi, Maurizio Marini, Daniele Radini Tedeschi e Claudio Strinati è stato presentato nei giorni scorsi, nel Palazzo Pontificio Maffei Marescotti un’incredibile scoperta.
Ci sarebbe infatti una copia del celebre Bacco di Caravaggio conservato agli Uffizi, realizzata all’indomani del primo lavoro alla fine del 1500, sulla scia del successo ottenuto. “La Pigna Ucai”, il prezioso quadro, conservato in una collezione privata in Svizzera, e che era considerato un semplice dipinto del Seicento, si è dimostrato essere invece un capolavoro dipinto dal celeberrimo pittore insieme a un collaboratore. Questa scoperta darà modo di studiare e conoscere un’opera di altissimo livello qualitativo e di notevole interesse culturale.

in Inghilterra, in una nobile residenza del Devon, è stato recentemente scoperto un autentico autoritratto di Rembrandt finora attribuito ad un suo allievo, con l’eccezionale scoperta di un autografo che risale alla giovinezza del pittore.
MdM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *