MOSTRE E APPUNTAMENTI: le proposte de La Lampadina per FEBBRAIO

APPUNTAMENTI

Mattioli 1885 preCinquanta chili d'oro coversenta a Roma il libro “Cinquanta chili d’oro”, prima parte del pubblicazione integrale, curata da Livio Crescenzi, degli atti del Processo Eichmann svoltosi nel 1961 a Gerusalemme.
Questo libro  costituisce una “narrazione” del tutto particolare della persecuzione degli Ebrei in Italia, incalzante e antiretorica.
Le presentazioni si terranno:
il 4 marzo, alla Libreria Minimum Fax – Via Lungaretta 90/5 – ore 18, con la partecipazione di Livio Crescenzi, Anna Foa (autrice volume Portico d’Ottavia 13) e Mario Rusconi (Presidente Associazione Nazionale Presidi);
il  5 marzo, alla Libreria Feltrinelli – Via Vittorio Emanuele Orlando 78 – ore 18, partecipazione di Livio Crescenzi, Anna Foa, Ernesto Galli Della Loggia;
e il 2 aprile, all’Auditorium Goethe Institute – Via Savoia 15 – ore 18 con Livio Crescenzi, Anna Foa e Mario Rusconi.

 

MOSTRE

Roma
Scuderie del Quirinale, Frida Kahlo (1907-1954). Le opere della pittrice messicana, molto  amata e seguita daAutoritratto dell'artista un pubblico di appassionati, che saranno esposte alle Scuderie, provengono dai principali nuclei collezionistici, opere Autoritratto dell’artistachiave appartenenti ad altre raccolte pubbliche e private in Messico, Stati Uniti, Europa. “Simbolo dell’avanguardia artistica e della vivace cultura messicana del Novecento, Frida Kahlo è oggi considerata un’icona del movimento femminista  I suoi quadri sono ispirati alla sua vita ma anche al contesto socio-politico e allo spirito del suo tempo, caratterizzato dalle trasformazioni culturali che portarono alla Rivoluzione messicana”.
Dal 20 marzo al 13 luglio 2014

 

Museo delle Mura: “Scultura oltre le mura”. La mostra collettiva, all’interno del Museo delle Mura, ospitata Il Museo delle Muranell’antica Porta San Sebastiano è curata da Il Museo delle MuraLudovico Pratesi. Riunisce le opere degli ultimi decenni di sette artisti italiani – Vittorio Corsini, Daniela De Lorenzo, Eugenio Giliberti, Carlo Guaita, Nunzio, Alfredo Pirri, Marco Tirelli – come reflessione sul rapporto tra la scultura contemporanea e la sua interazione con lo spazio architettonico storico e simbolico.  Era interessante “attivare dispositivi di percezione che mettono in relazione l’opera con il genius loci dell’edificio” dice Pratesi.
Fino al 16 marzo 2014

 

Firenze
Palazzo Strozzi: Pontormo e Rosso Fiorentino. Divergenti vie della “maniera”. Saranno riuniti per la prima manierismo a Firenzevolta in occasione della mostra prevista in marzo a Palazzo Strozzi, i capolavori dei due artisti, considerati all’epoca (‘500) tra i più anticonformisti e spregiudicati. Le opere provengono dall’Italia e dall’estero, molte delle quali restaurate per l’occasione.
Dall’ 8 marzo al 20 luglio 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *