Citazioni illuminanti settembre 2017

Carlotta Staderini Chiatante da questo settembre 2017 ci propone un gioco: tra un articolo e l’altro, per “cambiar tono ed argomento”, inseriremo citazioni, aforismi e frasi tratte da libri, film, canzoni, libelli e quant’altro, che ci hanno colpito, che riteniamo di condividere con gli altri e che possano suscitare interesse e dialettica.

Iniziamo a tirare noi i dadi, ma aspettiamo numerose le Vostre proposte e ne siamo curiosi!

Mandateci le Vostre scelte, le pubblicheremo mese per mese e le commenteremo insieme!

Ecco le nostre!


 

Carlotta Staderini è convinta, come  Philip Roth che:
“Il passato è l’unica dimensione al riparo dall’imprevisto.”
Tratto dal libro “Il complotto contro l’America”  di Philip Roth

 

 

Carlo Verga ci propone un parere sul mito, di Somerset Maugham
Nell’uomo, la propensione al mito è innata. Egli si getta avidamente su tutti i casi misteriosi o sorprendenti, della vita di coloro che si sono, in qualche modo distinti dai loro simili, e inventa una leggenda  cui poi si attiene con fede fanatica. La protesta della Fantasia contro la banalità dell’esistenza. I casi della leggenda diventano il più valido passaporto dell’eroe per l’immortalità.”
Da “La luna e sei soldi” di W. Somerset Maugham

 

 

Lucilla Laureti Crainz concorda con un pensiero di Mark Twain
“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite.”

Da “Comportati bene e resterai solo. Un manuale cinico sulla dannata razza umana” raccolta di scritti di saggi, articoli, j’accuse di Mark Twain.

 

Isabella Confortini Hall propone una delle più essenziali
dichiarazioni d’amore della storia del cinema
.
Da “Star Wars – Capitolo 5 – L’impero colpisce ancora”

 

Da Marguerite de Merode Pratesi ci arriva la saggezza inquieta di Montaigne
“E’ un impresa spinosa, e più di quanto sembri, seguire un andamento così vagabondo come quello del nostro spirito; penetrare le profondità opache delle sue pieghe interne; scegliere e fissare tanti minimi aspetti dei suoi moti.”
Montaigne – Saggi II

 

Da Beppe Zezza, a proposito di coloro che si sottopongono a diete alimentari ferree
“Ci sono alcuni che vivono tutta la loro vita da malati per poter morire da sani.”
Giacomo Biffi, per qualche tempo cardinale di Bologna

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *