La Lampadina/Poesia – Journey of the Magi di T.S. Eliot

Daniela Matronola traduce “Journey of the Magi” di T.S. Eliot e ce ne parla.

Questo splendido poemetto fa parte degli Ariel Poems nella Raccolta di Tutte Le Poesie (Collected Poems) di TSEliot: gli Ariel Poems furono una trovata della casa editrice Faber&Faber per festeggiare il Natale (del 1927, mi pare di ricordare). TSEliot ne produsse una serie, in genere componimenti brevi per corredare con versi d’autore dei biglietti di auguri. Questa potente poesia mi piace molto e l’ho ritradotta per contribuire all’iniziativa proposta da Rita Pacilio per RP Libri per illuminare un poco questo Natale 2020 altrimenti problematico. Si tratta di un poemetto molto narrativo in una chiave che è la stessa di certi passaggi narrativi del Vecchio Testamento in cui semplicità sguarnita e severità del dettato evocano mondi suggestivi e comunicano passaggi di stato di grande significato. Qui si vede la morte (in vita) del vecchio mondo seguita dalla nascita del nuovo, e anche un passaggio di stato che riguarda TSEliot personalmente: dal nichilismo e ateismo di partenza alla fede. Qui come altrove troviamo l’acqua, elemento tra gli altri caro al poeta in termini di corredo di immagini. C’è un colpo di coda finale: i barbari idolatri che il vecchio Re come il poeta vorrebbe sparissero. Chissà. Anche questo è un dettaglio un po’ veterotestamentario. Non pensiamo a questo. Auguriamoci tutti che tutto torni sereno. Magari, dopo tanto patire, migliore di prima. Appunto.

Daniela Matronola

Journey of the Magi

Il viaggio dei Re Magi

T.S. Eliot

Dani®Mat©2020

 

“A cold coming we had of it,

“Un freddo cammino ci è toccato

Just the worst time of the year

Giusto il peggior momento dell’anno

For a journey, and such a long journey:

Per un viaggio, e un così lungo viaggio:

The ways deep and the weather sharp,

Nelle vie si affondava e il clima era pungente

The very dead of winter.”

Davvero il punto morto dell’inverno.”

And the camels galled, sore-footed, refractory,

I cammelli poi pell’e ossa, indolenziti, refrattari

Lying down in the melting snow.

Che si accasciavano nella neve fresca.

There were times we regretted

Ci sono state volte in cui abbiamo rimpianto

The summer palaces on slopes, the terraces,

I palazzi estivi sulle dune, le terrazze

And the silken girls bringing sherbet.

E le ragazze di seta che portavano sorbetti.

Then the camel men cursing and grumbling

Poi i cammellieri che imprecavano e brontolavano

And running away, and wanting their liquor and women,

E si dileguavano, e chiedevano donne e liquori

And the night-fires going out, and the lack of shelters,

e i falò di notte che morivano, e la mancanza di riparo

And the cities hostile and the towns unfriendly

E le grandi città ostili, e le piccole, nemiche,

And the villages dirty and charging high prices:

e i villaggi sporchi che imponevano costi alti:

A hard time we had of it.

Ce la siamo vista brutta.

At the end we preferred to travel all night,

Alla fine decidemmo di viaggiare di notte

Sleeping in snatches,

Strappando brevi sonni,

With the voices singing in our ears, saying

Con le voci che ci cantavano nelle orecchie, per dirci

That this was all folly.

Che era tutta una follia.

Then at dawn we came down to a temperate valley,

Poi all’aba scendemmo a una valle temperata

Wet, below the snow line, smelling of vegetation;

Umida, sotto la linea della neve, odorosa di vegetazione:

With a running stream and a water-mill beating the darkness,

Con un ruscello e un mulino ad acqua che batteva l’oscurità

And three trees on the low sky,

E tre alberi contro il cielo basso,

And an old white horse galloped away in the meadow.

E un vecchio cavallo bianco che sgroppava nella prateria.

Then we came to a tavern with vine-leaves over the lintel,

Arrivammo a una taverna con foglie di vite sull’architrave.

Six hands at an open door dicing for pieces of silver,

Sei mani presso una porta spalancata si giocavano ai dadi dei pezzi d’argento

And feet kicking the empty wine-skins.

E c’erano piedi che sferravano calci a otri vuoti

But there was no information, and so we continued

Ma non ci furono notizie, e così proseguimmo

And arrived at evening, not a moment too soon

E arrivammo a sera, non un momento prima

Finding the place; it was (you may say) satisfactory.

A trovare il posto; fu (potreste dire voi) una soddisfazione.

All this was a long time ago, I remember,

Tutto ciò accadde molto tempo fa, me ne ricordo,

And I would do it again, but set down

E rifarei tutto daccapo, però sistemerei questo

This set down

Questo metterei in chiaro

This: were we led all that way for

Solo questo: fummo guidati per tutto il percorso verso

Birth or Death? There was a Birth, certainly,

Una Nascita o una Morte? Certamente, una Nascita ci fu,

We had evidence and no doubt. I had seen birth and death,

Ne avemmo evidenza e nessun dubbio. Avevo già visto nascite e morti.

But had thought they were different; this Birth was

Ma a suo tempo avevo pensato fossero diverse; questa Nascita fu

Hard and bitter agony for us, like Death, our death.

Una dura e aspra agonia per noi, come una Morte, la nostra Morte.

We returned to our places, these Kingdoms,

Tornammo alle nostre case, a questi Regni,

But no longer at ease here, in the old dispensation,

Ma non fummo mai più a nostro agio qui, nel nostro vecchio mondo.

With an alien people clutching their gods.

Con gente estranea, aggrappata ai propri dèi.

I should be glad of another death.

Invocherei con gioia un’altra morte.

 

 

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments