VIAGGI: Himalaya Rally, 12 marzo – 12 aprile 2007

In India, tra Maharaja, macchine d’epoca e …

Udaipur, Rajastan Marzo 2007
E’ una bellissima giornata, e una bellissima visione: sedici auto d’epoca sono parcheggiate davanti al garage  del Maharana di Udaipur Shriji Arvind Singh Mewar.

Una Rolls Royce del RallyDentro i garage vedo delle Rolls Royce degli anni Venti e tante altre belle vetture del passato, sono tutte inglesi ed erano le auto del nonno  dell’attuale Maharana.
Tra le altre un vecchissimo e malconcio carrettino, probabilmente era tirato da un pony. Alla mia domanda è risposto che era del vecchio Maharana quando era bambino (all’inizio del secolo) e che al carrettino era aggiogata un’antilope. Le auto d’epoca sono le nostre, la mia una Volvo PV del 1965. Stiamo per partire per una grande avventura di circa 6000 kilometri: da Udaipur a Calcutta passando da Katmandu, capitale del Nepal e Timpu, capitale del Bhutan. Proprio mentre siamo nel garage, ci viene detto che Sua Maestà ci attende alle sette per un pranzo nella reggia.

Chi è il Maharana di Udaipur e perché non è un Maharaja ma un Maharana?
Il titolo di Maharaja, che tradotto significa “grande re”, non era comune prima della colonializzazione dIl nonno dell'attuale Maharanaell’india da parte degli inglesi. Solo pochi Raja erano realmente tanto potenti e ricchi da potersi fregiare di questo titolo! Al contrario, solamente il Sovrano di Udaipur può fregiarsi del prestigioso titolo di Maharana che è attribuito a chi abbia le seguenti caratteristiche:
– sia nato da una famiglia reale e abbia un minimo di settanta primavere;
– deve essersi dedicato al bene dei poveri e dei contadini;
– deve essere stato eletto dal suo popolo in maniera democratica.

La casa di Mewar è una delle più vecchie dinastie del mondo (1400 anni) e il suo attuale rappresentante Shriji Arvind Singh ha circa settantaquattro anni, laureato al Mayo College in USA, è sposato alla Principessa Vijaraj di Kutch. Dirige una fondazione no profit e si occupa del benessere del suo popolo attraverso il turismo e le bellezze della sua città, chiamata la “Venezia dell’India”.

Siamo alloggiati al Lake Palace in una piccolissima isoletta nel lago di Udaipur e vediamo di fronte a noi, a qualche centinaio di metri, la Reggia dove questa sera saremo ospiti.

La reggia di Udaipur

La reggia è un palazzo affascinante, bianco, misterioso e grandissimo che aggetta sul lago Pichola. Ci accoglie il Maharani circondato dalla famiglia, è ovvio che anche lui faccia parte degli amanti di auto d’epoca
e proprio per questo motivo siamo suoi ospiti. E’ un omone di settanta anni ben portati con una folta barba brizzolata. Il terrazzo è illuminato e all’interno di una tenda sono apparecchiate varie tavole decorate da candele colorate e profumate. Vedere il tramonto sul lago, dalla reggia, è un’emozione forse irripetibile. Le pareti bianche del palazzo diventano dorate e la musica indiana aggiunge il fascino del mistero alla nostra avventura che sta per iniziare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *