ROMA NEW ENTRY: TrustEverTastes

Un americano a Trastevere scopre un mix di cucina, cultura e accoglienza

Può capitare che una giornata avviata su binari di ordinaria normalità si trasformi invece in una data indimenticabile. Può capitare che questo avvenga in una delle più belle piazze di Roma.
Può capitare, ed è capitato a Michael,  giovane americano che, incuriosito dal passa parola di amici e dai loro racconti entusiasti, ha prenotato una lezione di cucina. Indeciso fra le mille proposte di insegnamenti, su mille temi,  ha scelto finalmente: i tortellini.
Suona, sale una rampa di scale, e, appena il tempo di soffermarsi incantato alla vista della facciata di S. Maria in Trastevere che i due titolari, Paola e Carlo, che provengono rispettivamente dal mondo del turismo, e dell’imprenditoria ma che una travolgente passione per la cucina ha quasi costretto a una brusca sterzata di vita, lo accolgono con una piccola chiacchierata introduttiva ed esplicativa. Lo arrotolano quindi in un lungo grembiale ma … WHAAAT IS……..THAAT? Broccolo romano originale
Esclama Michael alla vista di una gigantesca fotografia di un broccolo romano. NON LO AVESSE MAI FATTO.
Gli viene velocemente sfilato il grembiulone. Afferrato sotto le braccia, è fatto volare giù per le scale, trascinato al piccolo trotto al più vicino mercato rionale dove in un tripudio di mille colori eccolo troneggiare nei suoi verdi di mille sfumature LUI: il broccolo.
Soppesato, analizzato e finalmente acquistato, tenuto affettuosamente in braccio (il broccolo, non Michael), dopo un veloce percorso a ritroso, viene poggiato religiosamente sul ripiano della cucina (sempre il broccolo, non Michael).
Il giovane apprendista lo affronta e impara a cucinarlo in tutti i modi possibili. Al suo rientro in patria forse si sarà scordato di qualche monumento, anche importante, ma certamente del BROCCOLO  Michael non si scorderà mai.
Per i tortellini invece dovrà tornare.
Una piccola storia per raccontare il modo, uno dei tanti, con cui Paola e Carlo trasmettono e promuovono la loro cultura culinaria a italiani e stranieri di ogni età.
Questo il posto magico dove ciò avviene. TRUST, EVER, TASTES
Come l’abbiamo scoperto? Per caso, come spesso avviene per le cose belle della vita. Per caso, infatti, Carlo Verga, creatore della nostra newsletter “La lampadina” che cercava un posto, ma diverso, per la nostra riunione di redazione, ne ha parlato, sempre per caso, alla nipote Domitilla che gli ha raccontato della recente avventura del marito Carlo: Trustevertastes, appunto.
S. Maria in TrastevereCosì, abbiamo parlato intorno al grande tavolo, distratti dai mosaici della chiesa illuminati in un baluginare di oro, e quando poi siamo passati nella grande luccicante cucina dove Paola e Carlo avevano preparato per noi. Un piccolo campionario delle loro specialità, ci siamo così tuffati felici e incuriositi in cestini di broccoli con seppie e pecorino, destrutturata di melanzane, vichyssoise, gnocchetti in zuppa di ceci, panettone mignon con paté di fegatini, e poi gelato alla vaniglia con meringhe e fragole e…Tutto accompagnato da un vino eccellente che ha avuto il suo peso nella nascita di un’atmosfera allegrissima.
Non abbiamo alla fine lavorato tanto ma … non vediamo l’ora di tornare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *