La Biennale 2013, Il padiglione italiano

Bartolomeo Pietromarchi svela ufficialmente la lista degli artisti scelti per partecipare al padiglione italiano della cinquantaseiesima Esposizione universale d’arte della Biennale di Venezia. Il titolo scelto dal curatore è «vice versa». Pietromarchi ci fa scoprire come l’arte italiana contemporanea studia e racconta le contraddizioni del nostro Paese, (“Le polarità contrapposte”) utilizzando  sette ambienti (sei sale e un giardino) alle Tese delle Vergini all’Arsenale  per esporre sette coppie di quattordici artisti su sette tematiche diverse. Saremo condotti  “in un viaggio ideale nell’arte italiana di ieri e oggi”.

Budget ridotto (600 mila euro appena di finanziamenti pubblici) che si arricchirà non solo del sostegno di sponsor privati, ma anche dei fondi ottenuti con l’originale idea del crowdfunding (auto-finanziamento basato sul contributo diffuso, anche piccolo) già usato all’Estero in precedenza.

La lista degli artisti e le sette tematiche :

  • Il Paesaggio tra visione e memoria, con Luigi Ghirri (1943-1992) e Luca Vitone (classe 1964).
  • La storia personale/la storia collettiva, con Fabio Mauri (1926-2009) e Francesco Arena (1978).
  • Il dualismo tragedia/commedia, con Piero Golia (1974) e Sislej Xhafa (1970).
  • Gli sconfinamenti tra autobiografia e immaginario collettivo con Marcello Maloberti (1966) e Flavio Favelli (1967).
  • L’arte come illusione, sguardo prospettico, quindi realtà/rappresentazione con Giulio Paolini (1940) e Marco Tirelli (1956).
  • La libertà di parola/ censura, suono / silenzio con Massimo Bartolini (1962) e Francesca Grilli (1978).
  • Il frammento/il sistema, o dell’impossibilità di classificare realmente la conoscenza e l’ambizione di archiviare, con Gianfranco Baruchello (1924) e Elisabetta Benassi (1966)

MdM

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments