ABBIAMO OSPITI – MOSTRE: Art or Sound a Venezia

Articolo di Laura Novello – Autore Ospite de La Lampadina

NL30 - art sound - locandina art_sound

Locandina della mostra "Art or Sound"

Violini surrealisti, pianoforti e voliere canterine, chitarre gonfiabili e strumenti musicali.

In un percorso dal Cinquecento ad oggi è quanto delinea la mostra organizzata dalla Fondazione Prada nella sua sede di Venezia di Palazzo Corner della Regina e curata da Germano Celant.

L'entrata della Mostra
L’entrata della Mostra

Il Tema è l’analisi del ruolo dell’artista/musicista, un incontro tra arti visive, oggetti, dipinti, partiture, sculture e manufatti. Sperimentazioni tra Ottocento, Futurismo e Dadaismo sino a Robert Morris, John Cage passando per Duchamp. Arman, Tinguely e Pistoletto.

Liberi sconfinamenti tra arte e suono e immagini destinati a sorprendere in ogni sezione della mostra veneziana sono gli elementi preponderanti nel tema. Dalle “scatole musicali” create dagli ingegneri del suono del Seicento (Antonio Grandi e Giovan Battista Casarini) alle opere improbabili che delineano, suoni, vibrazioni, rumori, assonanze timbriche: vere presenze nello spazio.

1-2-art-or-sound-fondazione-prada-wow-webmagazine-Attilio-Maranzano-Edward-Knížák-Wesselmann-Heune-8
“Sliced piano 2 yamaha motorcycles” di Armam

Oltre 180 opere sono riunite negli ottocento metri quadrati della Fondazione Prada; oggetti, automi, e macchine musicali accanto a dipinti, disegni, e partiture e ready-made decorati ed assemblati come le opere di Marcel Duchamp piuttosto che gli assemblages di Arman dove l’elemento predominante è il violino.
Per la prima volta viene utilizzato il Portego del Palazzo Ca’ Corner della Regina sul Canal Grande e le stanze laterali; frutto del lavoro del restauro iniziato dalla Fondazione nel 2011.

NL30 - art or sound - man ray
Un’opera di Man Ray in mostra

Il titolo della rassegna Art or Sound esprime la sorprendente ed interessante ricerca ed il confronto tra gli ultimi cinque secoli – dal Cinquecento ad oggi- del suono fatto fluire in più dimensioni tattili e percettive in cui lo spettatore è emotivamente coinvolto al fine dell’ascoltare le istallazioni sonore di Robert Rauschenberg e Laurie Anderson sino a Martin Creed e Nam June Paik seguendo magici percorsi dove arte e suono risuonano senza tempo.

Fondazione Prada. Venezia calle della Regina, Santa Croce 2215

Sino al 3 novembre 2014.

Laura Novello

 

video con l’intonarumori di Antonio Russolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *