MOSTRE ED ESPOSIZIONI: le proposte de La Lampadina per luglio-agosto 2015

Eccovi un po’ di mostre in alcune delle città che siamo soliti frequentare durante l’estate

FIRENZE
Galleria degli Uffizi: «Piero di Cosimo (1462-1522). Pittore fiorentino eccentrico dal Rinascimento alla Maniera», a cura di Serena Padovani, Elena Capretti, Daniela Parenti e Anna Forlani Tempesti, sotto la direzione di Antonio Natali.
La mostra, organizzata agli Uffizi sul pittore Piero di Cosimo, è una grande prima. L’artista era riconosciuto e apprezzato a suo tempo e ben inserito nell’ambiente della scena artistica fiorentina di Lorenzo il Magnifico. Ma il pittore non è mai stato esposto nel nostro tempo.
È stato fatto un bel lavoro di preparazione e le poche opere documentate di Piero sono tutte presenti in mostra. Ci sono numerosi prestiti illustri e opere attribuite recentemente. Sono circa 45 dipinti i dipinti esposti oltre a una trentina di disegni in dialogo con alcune delle opere di artisti suoi contemporanei.
Fino al 27 settembre

BRUXELLES
Bozar: “”Les Belges – Une Histoire de Mode Inattendue”
Non solo abiti, ma una serie di installazioni raccontano, con 70 designers, i momenti e le figure carismatiche dell’affascinante panorama storico della moda belga. Non solo il leggendario gruppo “Antwerp Six” che debuttò negli anni Ottanta, ma anche tante creazioni sperimentali, fino alle più recenti uscite dalle accademie di moda (la Royal Accademy di Anversa e La Cambre di Bruxelles).
Fino al 13 settembre

PARIGI
Palais Galliera – Jeanne Lanvin. Per i 125 anni della casa francese “La Maison di alta moda Jeanne Lanvin” ancora attiva oggi, si è temporaneamente “trasferita” al Palais Galliera, il museo della moda di Parigi, per presentare il meglio della maison parigina, fondata da Mademoiselle Jeanne nel 1889.
Fino al 23 agosto 2015

Musée du quai – Branly “L’Inca e il Conquistador”, curata da Paz Núñez Regueiro. L’esposizione del “Quai Branly” «vuole mostrare come si percepirono gli Spagnoli e gli Inca, come dialogarono e si affrontarono, e come entrambi i campi cercarono di allearsi con diverse fazioni per affermare il loro potere» Si scontrano due uomini: il sovrano Inca Atahualpa e il Conquistador spagnolo Francisco Pizarro. Attraverso il loro ritratti si rappresenta il confronto fra i due mondi.
Fino al 20 settembre 2015

VERSAILLES
Château de Versailles: Anish Kapoor. Ogni anno i giardini e il Chateau de Versailles diventano sede espositive per i più grandi artisti della cena mondiale dell’arte di oggi: Jeff Koons, Murakami, Venet, Penome e ultimamente, l’artista coreano Lee Ufan. L’anglo indiano Anish Kapoor rinnova la sua presenza a Parigi dopo la mostra del Grand palais del 2011 e espone le sue opere quest’estate nei giardini.
Fino a ottobre 2015.

LONDRA
Dulwich Picture Gallery: Ravilious.  La visita alla piacevolissima mostra degli acquarelli di Eric Ravilious, acquarellista poco noto che ha lavorato sopratutto tra le due guerre, può essere l’occasione di andare a vedere o rivedere la Dulwich Picture Gallery à 10 minuti di treno da Victoria. La raccolta del museo rappresenta un esempio di collezionismo d’arte di eccezionale livello nel primo edificio costruito come museo nel Regno Unito. La mostra illustra il lavoro di Ravilious, artista veramente bravo nel catturare la luce irregolare della Gran Bretagna e restituirla con una profonda comprensione della sua atmosfera.
Fino al 31 agosto

ISTANBUL
14ma edizione della Biennale Internazionale di Istanbul “Saltwater: a Theory of Thought Forms”, direttore artistico e curatrice dell’evento: Carolyn Christov-Bakargiev. Torna la14ma edizione Biennale Internazionale di Istanbul che si svolgerà nella capitale turca dal 5 settembre all’1 novembre 2015. La Biennale di Istanbul, prestigioso evento di arte contemporanea organizzato dalla Fondazione Istanbul per la Cultura e le Arti (IKSV) ha come soggetto principale l’acqua salata e il mare, “l’acqua, con i suoi movimenti e le sue sfumature, la sua profondità e le sue onde capaci di plasmare e trasformare il mondo in una vita senza fine”. Il soggetto della Biennale mette, ovviamente, al centro il Bosforo con esposte le opere di più di cinquanta artisti visivi, di oceanografi e neuroscienziati con tre parole guida: Linea- Alleanza – Onda. Dice Christov- Bakargiev «Sono interessata a quel che succede sott’acqua. Uso metafore come onde, linee correnti , fiumi sotterranei…onde come onde del pensiero, onde sonore, onde di protesta, onde di gente, onde come flussi migratori….»

CORTINA D’AMPEZZO
Chi si ritrova a passeggiare tra le magnifiche vette della conca ampezzana può fare un salto nella Wunderkammer di Nicolò de Faveri Tron,  che ha fatto delle cime dolomitiche una vera collezione!
Rappresentate con le più varie tecniche, sono viste come una collezione di farfalle… meglio vedere che descrivere.
Dall’8 al 30 agosto a MagaMaison.
ICH

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments