MOSTRE ED ESPOSIZIONI – Febbraio 2022

Ecco i suggerimenti di Marguerite de Merode per questo mese.

Volevamo proporvi di seguirci in qualche fiera ma tutte le fiere d’arte del mondo sono rimandate. Da Arte Fiera al Tefaf, tutte le manifestazioni previste nei primi mesi del 2022 vedranno un posticipo di qualche mese.
Il mondo dell’arte è in subbuglio. Resta al suo posto invece Miart i primissimi giorni di aprile, mentre l’incertezza diffusa e l’impossibilità di previsioni certe spingono costringono gli organizzatori del Salone del mobile a Milano a rimandarlo a giugno 2022 per celebrare in tutta sicurezza il suo sessantesimo anniversario.
Dedichiamoci allora a mostre ed esposizioni…

Roma

Auditorium Parco della Musica: An Unguarded Moment.  Adrian Tranquilli
Nell’Auditorium Garage, che copre una superficie di mille metri quadri, il nuovo spazio dedicato all’arte contemporanea si apre con la mostra antologica dell’artista Adrian Tranquilli. L’Artista si esprime utilizzando i motivi del fumetto supereroico. In mostra oltre cinquanta opere attraverso un percorso inedito, fatto di installazioni ambientali che raccontano anche il forte rapporto che c’è tra la musica e la produzione dell’artista.
Fino al 6 marzo 2022

 

Galleria d’arte Moderna: Amici-Materia Nuova. Rome Ultime generazione a confronto
Un’intelligente mostra che dà visibilità ai nuovi spazi d’artisti venutisi a creare a Roma in questi ultimi anni. Numerosi artisti hanno deciso di condividere alcuni spazi in disuso in vari quartieri di Roma e di mettere insieme le loro energie.
C’è molta solidarietà, molta condivisione e Il curatore Massimo Mininni ha voluto dare a ognuno di loro la possibilità di gestire una stanza del Museo di via Crispi.
CASTRO (Contemporary Art STudios Roma); CONDOTTO48; OFF1C1NA; OMBRELLONI; PAESE FORTUNA; POST EX; SPAZIOMENSA; SPAZIO IN SITU: sono i “nuovi centri produttivi, propulsori di idee e fulcro di proposte che stanno riportato la capitale al centro della scena culturale nazionale.”
Fino al 13 marzo

DART Chiostro del Bramante: CRAZY, La follia dell’arte contemporanea a cura di Danilo Eccher
Saranno 21 gli artisti di rilievo internazionale e 11 le installazioni site-specific inedite che invaderanno per tutto l’anno in corso gli spazi esterni e interni del Chiostro, la struttura progettata nel 1500 dal Bramante.
Gli artisti saranno: Carlos Amorales, Hrafnhildur Arnardóttir / Shoplifter, Massimo Bartolini, Gianni Colombo, Petah Coyne, Ian Davenport, Janet Echelman, Fallen Fruit / David Allen Burns e Austin Young, Lucio Fontana, Anne Hardy, Thomas Hirschhorn, Alfredo Jaar, Alfredo Pirri, Gianni Politi, Tobias Rehberger, Anri Sala, Yinka Shonibare, Sissi, Max Streicher, Pascale Marthine Tayou, Sun Yuan & Peng Yu.
Le opere occuperanno anche luoghi non solitamente aperti al pubblico e il filo conduttore di Crazy sarà l’arte come pazzia, che rifiuta gli schemi stabiliti, fugge da ogni rigido inquadramento, si ribella alle costrizioni.
Dal 18 febbraio al 8 gennaio del 2023

 

Ecco un’iniziativa alle porte di Roma che può interessare le nostre gite domenicale. La creazione dell’iniziativa Etruskey che mette insieme 12 città e 31 privati per dar vita a un circuito turistico dell’Etruria meridionale così da “far crescere e conoscere un’area (Litorale Laziale, Tuscia e Maremma Laziale) che dalla civiltà etrusca ha ereditato ingegno, accoglienza e ospitalità e che potrà finalmente essere riconosciuta come un’Unica Destinazione Turistica”.

Tivoli

Villa d’Este: Vita Nova. Arte in Italia alla luce del nuovo millennio
Il progetto della mostra VITA NOVA, a cura di Andrea Bruciati, direttore di Villa Adriana e Villa d’Este – VILLÆ, è un omaggio a Dante e propone una ricognizione sulla giovane arte italiana nei due decenni che hanno caratterizzato il cambio di secolo, dal 1990 al 2010.
Come Il Sommo Poeta, padre dell’identità letteraria nazionale, rappresenta l’idea di una lingua comune italiana, così la proposta mette a fuoco il nucleo primario, legato allo specifico culturale del nostro Paese, di un lessico visuale condiviso, componendo un vero e proprio indice della creazione contemporanea italiana.
Come scrive Bruciati: “Vita nova intende rappresentare un panorama quanto più possibile esaustivo del fermento e delle problematiche che contraddistinguono la ricerca visiva in Italia all’alba del nuovo millennio, riflessione che ha nelle nostre radici culturali un’imprescindibile base, attraverso un dialogo continuo fra tradizione e innovazione. In tale prospettiva, la rassegna è intesa come prima ricognizione sulla storia dell’arte italiana recente che si innesta sull’assetto museale e monumentale delle VILLÆ, interpretando lo spirito dei luoghi alla luce di una rinnovata sensibilità, raccontandone pertanto un percorso differente, innovativo e pionieristico, che si reinventa a vita nova.”
Inoltre, aggiungo, è una bellissima occasione per concludere la visita con un giro nella Villa rinascimentale e nei suoi magnifici giardini.
Fino al 7 febbraio 2022; e di nuovo dal 5 marzo al 5 giugno 2022

 

 

 

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments