Re-commerce ovvero il riciclo o commercio dell’usato

Oggi potremmo riciclare quasi il 100% delle nostre cose. La tendenza è iniziata in Francia, qualche anno fa, per un paio di jeans vecchi potevi comprarne un paio a metà prezzo. I vecchi jeans, venivano riparati, aggiunte le iniziali del vecchio proprietario e rivenduti ad un prezzo quasi pari a quelli nuovi. La tendenza si è poi estesa praticamente a tutto. La Gazelle in Usa, compra, on line, ogni genere di strumento informatico, tecnico o altro, fornendo anche un servizio di ritiro a domicilio. I prodotti acquistati e ricondizionati sono poi diretti ai mercati Africani e Asiatici. A ogni uscita di un nuovo prodotto del tipo Ipad, Iphone o altro, la Gazelle riceve offerte per qualche migliaio di pezzi delle generazioni precedenti…
In Italia grande successo ha avuto la manifestazione tenuta a Milano, Ri-Store, fiera in cui si acquista o si scambia di tutto: biciclette, articoli per l’infanzia, borse, vestiti etc. Una delle maggiori aziende del settore è oggi la Cash Converter con un giro di affari di 190 milioni di dollari e una rete di 657 negozi, di cui uno a Milano. Comprano e vendono dai vedeogiochi, agli strumenti musicali, giochi per l’infanzia, orologi, mobilio, vestitini usati per bambini etc.
Questo nuovo sistema di commercio oltre a permetterti di riciclare molte delle cose che avresti buttato, aiuta in modo concreto a creare ed anche recuperare quel mondo di riparatori che si era perso nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *