ARTE – Quest’anno sono 64!

Articolo di Lucilla Crainz Laureti Crainz
Dal 25 giugno all’11 luglio prendete nota e non mancate! Ci sarà il 64° festival di Spoleto.
Come ha detto Franceschini alla conferenza stampa inaugurale, è il più vecchio ed importante festival in Italia, che ha visto la direzione per tanti anni di Giorgio Ferrara succedendo alla gestione di Francis Menotti, (figlio adottivo di Giancarlo).
Da quest’anno la gestione è passata a Monique Veaute e per chi non la conoscesse, brevemente, dal 1984 dirigeva il Roma Europa Festival un appuntamento che ogni anno tra ottobre e novembre sfodera quanto di meglio e di nuovo al mondo nei campi musica – teatro – ballo per grandi e piccoli! Il programma arrivava a casa per posta in un librone …fantastico!
Il programma del festival di Spoleto sarà quindi all’altezza: 60 spettacoli, coinvolti 500 artisti provenienti da 15 paesi, spazi mai utilizzati sparsi per la città.
Due orchestre in residenza: quella di Santa Cecilia e la Budapest Festival Orchestra che inaugura in piazza del duomo con la direzione di Ivan Fischer, ripristinati i concertini di mezzogiorno a sant’Eufemia ed il concerto finale della Santa Cecilia con Pappano.
Tra gli eventi:
Mariella-Ange Nguci stella del pianismo internazionale per la prima volta in Italia.
La prosa e il balletto: “La signorina Giulia”, “Jeanne d’arc au bûcher” (in video), il gruppo Pina Bausch, l’Accademia Nazionale Silvio d’Amico, da Mourad Merzouki in “Folia”, il coreografo Angelin Preljocaj con “Lac des Cygnes”, Massimo Recalcati con “Amen”, Muyte Maker di Flora Détraz, ecc ecc.
Se andate sul sito www.festivaldispoleto il programma è di sole 169 pagine!
Molti degli spettacoli verranno poi presentati in anteprima dagli autori.
La Galleria Collicola organizza mostre: Giuseppe Penone, Stefano di Stasio e work in progress della fondazione Marignoli, a San Nicolò “Windows”.
La Fondazione Carla Fendi organizza un premio e un tributo a due artisti che hanno vissuto anni a Spoleto: Sol Le Witt e Anna Mahler (scultrice figlia di Gustav) con interessanti video.
Il tema e il premio per Socially Correct /Saatchi: “Mai più soli” quest’anno è dedicato alle “Cure palliative pediatriche: un diritto e un dovere”.
La Rai presenta il primo “Festival per il sociale”.
L’artista del festival quest’anno è Daniel Buren, il manifesto una tenda da palcoscenico a righe (ma!)
I Monini (olio) hanno acquistato il palazzetto su piazza del duomo e ne hanno fatto una fondazione con archivio a disposizione di chi volesse rivedersi qualche magnifico spettacolo del passato.
Quindi se avete voglia di divertirvi e passare qualche bella ed interessante giornata…venite a Spoleto (i biglietti sono in vendita on line dal 10 maggio) …Mi trovate sicuramente e vi farò conoscere Monique….ne vale la pena!
Lucilla Laureti Crainz

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments